Freddo, basse temperature, umidità e vento non solo possono seccare la pelle del nostro viso se non la proteggiamo con attenzione, ma possono anche ledere i nostri occhi. Qualche consiglio su come proteggere gli occhi dal freddo, vento e sbalzi di temperatura.

Come proteggere gli occhi da freddo, vento e sbalzi di temperatura

La bellezza secondo noi è prima di tutto sinonimo cura di sé…non a caso il nostro centro si chiama Body Care. E la bellezza passa prima di tutto dal benessere e dalla salute. Ecco quindi qualche consiglio su come proteggere gli occhi da freddo, vento e sbalzi di temperatura. Gli abbassamenti di temperatura influiscono negativamente sulle funzionalità della cornea, diminuendone le capacità di reazione. In un’intervista a Repubblica Salute, Paolo Vinciguerra, responsabile nel 2012 del servizio oculistica presso l’Istituto Clinico Humanitas di Milano, spiega le principali conseguenze che il freddo può avere sui nostri occhi e come fare per proteggerli.

Lacrime di freddo

Quando è particolarmente freddo, l’occhio produce naturalmente più liquido lacrimale, per contrastare l’evaporazione acquea dovuta al vento e alle basse temperature (sotto gli 0° l’umidità relativa scende, per cui c’è un’estrazione continua di umidità dall’occhio). Le lacrime in questo caso, fungono da pellicola protettiva del bulbo oculare. Per aiutare l’occhio è consigliabile utilizzare degli occhiali.

Congiuntivite irritativa

Gli occhi soffrono molto per i repentini sbalzi di temperatura, cosa comune in inverno, dato che passiamo continuamente dal freddo ambiente esterno a quelli riscaldati di casa, ufficio, palestra, ecc… Questi cambi termici possono favorire la congiuntivite irritativa; il sintomo più evidente è l’arrossamento dell’occhio nel momento in cui si entra in luoghi chiusi e riscaldati, associato ad un fastidio simile a quello provocato da un corpo estraneo ed una visione meno chiara. Si consiglia di rivolgersi ad uno specialista e nel frattempo di favorire la lubrificazione oculare con lacrime artificiali monodose.

Piccole emorragie

Sempre a causa degli sbalzi di temperatura si può verificare la rottura di un vaso congiuntivale, provocando una piccola emorragia. Non vi allarmate, sebbene la visione non sia piacevole: l’occhio, esattamente coma fa la pelle con un livido, riassorbirà naturalmente l’emorragia. Per avere un sollievo immediato, si consiglia l’uso delle lacrime artificiali.

Occhiali e lenti a contatto

Per coloro che portano occhiali si consiglia di avere sempre con sé un piccolo panno in microfibra per spannare le lenti che si appannano ogni qual volta si passa da un ambiente freddo a uno caldo. Le lenti a contatto invece, riducendosi la lacrimazione negli ambienti caldi e secchi, possono appiccicarsi fastidiosamente al bulbo oculare. Anche in questo caso si consiglia l”uso di lacrime artificiali.

Leggi l’articolo di Irma D’Aria su Repubblica.it